www.caibolzaneto.net CAI - GE BOLZANETO: Piero Bordo Pensiero






seguici su facebook


 

 





Home >> Articoli dei soci >> Il Club Alpino Italiano protagonista della nuova montagna


GLI ARTICOLI DEI SOCI

Il Club Alpino Italiano Protagonista della nuova montagna


.. Piero Bordo Pensiero ...

L'ultimo Rapporto sull'attività del Cai, presentato a Saluzzo CN nel maggio scorso, ha evidenziato la grande importanza che il 2004 ha rivestito per l'associazione, non solo per le eclatanti celebrazioni del giubileo del K2, ma anche per i festeggiamenti dei 100 anni del Club Alpino Accademico Italiano e dei 50 anni del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Il Cai genovese ha contribuito notevolmente a raggiungere questo gratificante risultato, organizzando nel Palazzo della Borsa di Genova la mostra "K2 1954, una storia italiana", poi un Convegno a Final Borgo in collaborazione con il Soccorso Alpino e Speleologico ligure, ma soprattutto l'Assemblea nazionale dei Delegati, nel corso della quale è stato eletto a Presidente generale del Cai il savonese Annibale Salsa, docente di Antropologia culturale presso l'Università di Genova.

Il 2004 è stato pure importante per tutto il Cai perché,  ha sottolineato Salsa a Saluzzo: «facendo leva sulle nostre risorse interne, fatte di cultura, di esperienza ultracentenaria, di passione ed energie liberali, abbiamo varato un grande progetto di ammodernamento che coinvolge strutture, progetti, assetti. Esso impegna soci e associazione a stare al passo con i tempi, a svolgere servizi, anticipare bisogni e ad esplorare nuovi modernissimi campi connessi con l'amore per l'alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, e la difesa del loro ambiente naturale».

Il Club alpino italiano, è bene ricordarlo, è atipico rispetto agli altri enti pubblici: è un soggetto di diritto pubblico perché svolge funzioni sociali, quali la formazione e la sicurezza, ma è di fatto un'associazione che sostanzialmente si autofinanzia.

Il Cai può guardare oggi con maggiore fiducia ai giovani per cointeressarli ai propri valori e farne i veri protagonisti dello sviluppo sociale e dell'efficacia dell'azione sul territorio. Sull'ambiente si gioca - in particolare nel nostro paese - la "battaglia finale" che è e dev'essere prima di tutto di cultura e di consapevolezza per assicurare il "contatto naturale" (e non solo quello artificiale) anche alle prossime generazioni. Il compito è gravoso e c'è lavoro per tutti.

«Ribadisco la necessità di un convinto rilancio del volontariato puro e disinteressato che non è mero dilettantismo, ma volontariato professionale» ha precisato il Presidente generale «I nostri uomini sono infatti portatori di alte competenze nei più disparati settori. La difesa dell'ambiente richiede un serio riferimento all'ecologia più che all'ecologismo, ma nella consapevolezza di promuovere una proficua educazione ambientale tra i giovani ed una coraggiosa "ri-alfabetizzazione" al territorio. Il Cai, è risaputo, storicamente va oltre il mero "ambientalismo": la montagna è sì ambiente ma è soprattutto territorio abitato, è cultura secolare. Compito di una grande associazione come la nostra è oggi anche quello di accompagnare con valori, contenuti e nuovi progetti questa fase che vede affacciarsi una nuova montagna per nuovi montanari».

Le nuove opportunità della tecnica e della telematica fanno delle terre alte possibili luoghi del buon vivere. Nei territori montani di Alpi e Appennini ormai si vive mediamente meglio che altrove, non si chiudono i paesi per lo smog, le mucche sono meno pazze, le relazioni sociali sono più "umane" e "umanizzanti". È la cultura della lentezza che noi alpinisti conosciamo bene, che spinge verso nuovi obiettivi culturali e sociali.

Il Cai per far parte di questa impegnativa congerie culturale della modernità, intende utilizzare anche lo strumento della comunicazione, rinnovata e sempre più incisiva, quella interna che mette in rete le diverse articolazioni territoriali, a livello centrale e regionale, le oltre 700 Sezioni e Sottosezioni, gli Organi Tecnici, la Libera Università della Montagna e quella esterna, al servizio dei grandi media e della società, per far sapere qualità e quantità del nostro fare.

Piero Bordo

pagina aggiornata il 05/09/2005
top

contadores de visitas russian women
contatori per blog

Pagine viste dal 30/01/2013
CAI - Genova Bolzaneto - Via C. Reta 16 R - tel e fax: 010/7406104
PI-CF 93013630103
Per Contattarci
Sito aggiornato da Marco Bisio e Lorenzo Furfaro
Valid HTML 4.01 Transitional

Valid CSS!