www.caibolzaneto.net CAI - GE BOLZANETO: Dalle Commissioni






seguici su facebook


 

 





Home >> Articoli >> dalle Commissioni >> illuminiamo l'escursionismo


ARTICOLI DELLE COMMISSIONI
Illuminiamo l'escursionismo con la luce della cultura
Commissione Culturale


>> torna all'indice >>


Pubblicato sul numero di aprile 2003 del bimestrale della Val Polcevera "Qui e dintorni".

Nel secondo secolo avanti Cristo, in alta Val Polcevera, fu necessario l'intervento di una delegazione di magistrati, inviati dal Senato di Roma, per dirimere una controversia di diritti sullo sfruttamento dei terreni. I contendenti erano le tribù dei Langenses e dei Genuates.

La sentenza emessa dai fratelli Quinto e Marco Minucio Rufo, fu scolpita su tre lastre di bronzo. Una per il Tabularium di Roma, l'archivio del Campidoglio; la tavola nei secoli successivi andò distrutta come tante altre, fusa probabilmente per motivi bellici. Delle altre due copie, scolpite per i "contendenti", fortunatamente una si salvò; è conosciuta come Tavola di Polcevera e rappresenta il documento storico, scritto, più antico della Liguria.

L'Italia vanta moltissimi reperti archeologici anche preistorici, ma la Tavola di Polcevera deve la sua grande importanza al fatto che è "una fonte scritta di cultura materiale in un periodo storico in cui, in Liguria, non c'era la consuetudine di produrre documenti scritti", come ha rilevato il prof. Tiziano Mannoni alla presentazione delle Guide che è avvenuta a Palazzo Balbi, la prestigiosa sede del Comune di Campomorone (Genova).

Nel secolo scorso molti sono stati gli studiosi che hanno cercato di individuare i confini definiti dalla "Sententia Minucii", termini relativi all'agro privato, all'agro pubblico ed ai terreni del pascolo comune o "compascuo"; citiamo G. Petracco Siccardi, G. Poggi, N. Lamboglia, C. Desimoni.

Già conosciuto per aver, tra l'altro, pubblicato nel 1982, l'importante libro "Civiltà dei monti", a compendio dei suoi studi sulla Valle di Carnino nell'Alta Val Tanaro (Alpi Liguri - Provincia di Cuneo), Edilio Boccaleri dal 1980 si dedicò con maggiore impegno ad approfondire gli studi sulla Tavola di Polcevera.

Boccaleri ha già dato alle stampe sia la sua traduzione della sentenza, fatta adottando un criterio linguistico che aiuta l'uomo contemporaneo a capire come gli uomini di quel tempo vedevano quel territorio; sia l'individuazione dei confini degli agri e delle comunaglie (Atti della Società Ligure di Storia Patria, nuova serie, XXIX, 1989).

Socio della Sottosezione del Cai Bolzaneto (Sezione Ligure), da buon camminatore, Boccaleri ha percorso tutti i confini dei territori della Tavola che lui ha individuato applicando le regole degli agrimensori romani e non basandosi solo su affinità linguistiche.

La sua è stata un'attività di archeologia di superficie, tesa ad interpretare i segni e le forme trovati nel suo peregrinare, assumendo i dati solo quando coincidevano con quelli della Tavola. Il lavoro non è stato difficile perché il territorio preso in esame dalla Tavola di Polcevera, dalla preistoria ad oggi, fisicamente non è cambiato molto e, fortunatamente, è ancora leggibile.

"Fra Storia ed Escursionismo" ha detto Boccaleri alla conferenza di presentazione delle Guide "c'è un nesso intimo e saldo che è mantenuto solo se il lavoro letterario, ossia lo strumento cartaceo che si vuol realizzare, si articola come una 'Guida', vale a dire come un libro per l'Escursionista: un escursionista particolare, un escursionista che ambisce unire al piacere del camminare quello della conoscenza storica".

Boccaleri è riuscito a trovare il giusto punto di equilibrio fra descrizioni, itinerari e contenuti storici. Le Guide risultano pertanto relativamente abbondanti di notizie ed informazioni pratiche cosicché l'escursionista si sente sicuro nel territorio che attraversa, anche se per lui è nuovo. Il lavoro ha una valenza scientifica, come ha anche riconosciuto il prof. Mannoni, alla quale unisce il pregio di un taglio divulgativo.

"Allo stesso tempo" ha aggiunto Boccaleri "la Guida non deve essere una sorta di manuale da seguire come un ricettario di cucina, essa deve lasciare spazio alla sorpresa ed alla scoperta personale".

Per meglio rispondere a queste preoccupazioni, Boccaleri ha diviso il lavoro in tre parti.

- Una sintesi del contenuto della Tavola di Polcevera con particolare riferimento all'identificazione dei toponimi dell'epoca con quelli attuali, il tutto supportato da una cartina topografica molto dettagliata.

- Un insieme di indicazioni logistiche e pratiche.

- Le notizie storiche e le indicazioni itinerarie.

I pregevoli schizzi panoramici a corredo, oltre a consentire una visione tridimensionale, aiutano all'identificazione a distanza dei riferimenti caratteristici citati dalla Tavola.

Boccaleri così ha concluso la presentazione del suo lavoro: "Le mie Guide costringono a camminare, ma camminare è anche la migliore occasione per trovare un rapporto corretto con l'ambiente. A chi vorrà dedicare un po' di tempo a quest'attività, insieme motoria e culturale, vadano i miei complimenti e l'augurio di gioire per le scoperte personali che certamente non mancheranno".

La Val Polcevera è grata a Boccaleri per l'omaggio che ha voluto fare alla sua terra ed i ringraziamenti gli sono giunti da molti, in particolare da Giorgio Agnoletto, Sindaco di Campomorone, da Giacomo Repetto, Presidente della C.M. Altavalpolcevera, da Eugenio Massolo e da Nicola Abbundo, Assessori all'Istruzione e alla Formazione, rispettivamente della Provincia di Genova e della Regione Liguria.

Le Guide sono acquistabili direttamente dagli Enti che hanno finanziato il progetto editoriale: il Comune di Campomorone (GE) e la Comunità Montana Altavalpolcevera, che ha sede nel comune di Ceranesi (GE).

_____________

Edilio Boccaleri - Guida ai luoghi indicati dalla Tavola di Polcevera - 17 x 24 cm - 96 pagine - 62 cartine e disegni - euro 9,30 - Feguagiskia'Studios Edizioni - Genova - 2002.

Edilio Boccaleri - Itinerari nel territorio descritto dalla Tavola di Polcevera - 17 x 24 cm - 110 pagine - 22 cartine e disegni - euro 11,36 - Feguagiskia'Studios Edizioni - Genova - 2002.

pagina aggiornata il 30/09/2008
top

contadores de visitas russian women
contatori per blog

Pagine viste dal 30/01/2013
CAI - Genova Bolzaneto - Via C. Reta 16 R - tel e fax: 010/7406104
PI-CF 93013630103
Per Contattarci
Sito aggiornato da Marco Bisio e Lorenzo Furfaro
Valid HTML 4.01 Transitional

Valid CSS!